Rigatoni alla gricia

7 febbraio 2017


Oggi voglio preparare uno tra i piatti più famosi della cucina laziale: la pasta alla gricia, il piatto da cui ha avuto origine l'amatriciana.
Le sue origini sono molte antiche, si dice che siano stati i pastori laziali a prepararla per primi, quando ancora non si conosceva il pomodoro, utilizzando i pochi ingredienti di cui disponevano; è infatti un piatto semplice e veloce da realizzare ma che richiede per riuscire al meglio l'utilizzo di ingredienti di prima qualità.
Ingredienti per 4 persone:
- 400 g di rigatoni (Barilla)
- 220 g di guanciale Lattanzi (Montecompatri)
- 120 g di pecorino romano
- 3 cucchiai di  olio extra vergine
- 1/2 bicchiere di vino bianco secco
- Sale e pepe q.b.
Preparazione
In una padella con dell'olio fare soffriggere il guanciale tagliato a striscioline.
Quando sarà abbastanza croccante, sfumare con del vino bianco.
Scolare la pasta al dente e aggiungerla al condimento.
Unire, poco alla volta, il pecorino grattugiato, se necessario allungare con qualche cucchiaio di acqua di cottura della pasta, mescolare il tutto per far amalgamare i vari sapori.
Servire calda con una spolverata di pepe nero grattugiato al momento e dell'altro pecorino se lo gradite.
Buona giornata e al prossimo post.
Bacioni





9 commenti:

  1. da romana non posso che dire ...fantastica!!!
    baci
    Alice

    RispondiElimina
  2. Io adoro lìamatriciana Gricia overo bianca senza pomodoro e questa è favoloso. Il guanciale buono nn è facile trovarlo qui da noi. Qualche volta lo trovo abbastanza buono alla Pam, lo vendono anche in certe macellerie.... vediamo cosa trovo. Buona serata,

    RispondiElimina
  3. SEMPLICE E RICCA ALLO STESSO TEMPO, MI PIACE, BRAVA!!!BACI SABRY

    RispondiElimina
  4. Sai che non li ho mai mangiati?? Questo piatto mi fa brontolare lo stomaco :-P

    RispondiElimina
  5. Un piatto classico che bisogna imparare a fare bene, come hai fatto tu brava

    RispondiElimina
  6. Ho letto attentamente la ricetta super veloce, è un piatto che non conoscevo e che scopro con molto piacere. Grazie Fabiola un bacio

    RispondiElimina
  7. Cara Fabiola ho avuto la fortuna di assaggiare questo goduriosissimo primo piatto in occasione di un viaggio a Roma,qualche anno fa.Come anche altri primi tipici me ne sono innamorata..troppo ma troppo buono,quindi puoi immaginare quanto,leggendo la tua ricetta e guardando la foto mi sia venuta un' acquolina incredibile:)).
    Grazie infinite per la splendida ricetta e i miei migliori complimenti!!!
    Un bacione:))
    Rosy

    RispondiElimina
  8. La facciamo spesso.. ci piace da matti!!!! smack

    RispondiElimina

trova ricetta